Il Cantico

MESSICO – Migliaia di fedeli in marcia nel Chiapas per difendere i migranti e la terra

Manifestare contro lo sfruttamento minerario, la distruzione della natura, la tossicodipendenza e le violazioni dei diritti dei migranti: a tale scopo, riferiscono fonti locali di Fides, oltre 8 mila fedeli cattolici si sono riuniti nei giorni scorsi, sotto la guida di Mons. Felipe Arizmendi Esquivel, Vescovo di San Cristóbal de Las Casas (nel Chiapas), in un pellegrinaggio cittadino che ha coinvolto le forze migliori della diocesi.

Al pellegrinaggio hanno partecipato le 54 parrocchie della diocesi e numerosi gruppi organizzati che, da tre punti diversi della città, sono arrivati alla piazza centrale, davanti alla Cattedrale, dopo due ore di marcia. Durante la Messa che ha concluso il pellegrinaggio, il Vescovo ha detto: “Chiediamo un cambiamento, per uno stile diverso nella politica, nell’istruzione, nella cultura e nella vita”. “Ci sono società che vogliono impadronirsi delle terre dei contadini, ci sono autorità corrotte.

Chiediamo a Dio la forza per denunciare coloro che distribuiscono le droghe, quanti minacciano e ricattano, chi rapisce gli immigranti che passano da noi”, ha proseguito. Il narcotraffico e la violenza contro i migranti è un problema grave in questa diocesi, che la Chiesa è impegnata a contrastare da tempo (vedi Fides 3/1/2011). Secondo la Commissione Nazionale dei Diritti umani del Messico nel 2010 risultano 20.000 segnalazioni di sequestri di migranti.

Ogni anno tra 200.000 e 300.000 migranti del Centroamerica che provano ad attraversare il Messico per raggiungere gli Stati Uniti, ma nel loro percorso sono sorpresi da bande criminali organizzate che li derubano o li rapiscono, chiedendo un riscatto alle loro famiglie. Nelle azioni malavitose sono coinvolti anche i cartelli della droga. La Conferenza Episcopale del Messico ha denunciato più volte la terribile situazione dei migranti (vedi Fides 17/11/2010).

(CE) (Agenzia Fides, 26/11/2011)

Print FriendlyStampa questa pagina o salva un PDF
Did you like this? Share it:
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*