Il Cantico

Convegno UCSI a Bologna

img132Centocinquanta giornalisti dell’Emilia-Romagna hanno partecipato alla XIII edizione del convegno regionale su “Giornalismo strumento di costruzione e di riconciliazione” all’Istituto Veritatis Splendor di Bologna, organizzato per la festa del patrono dei giornalisti, S. Francesco di Sales, dall’Ufficio Comunicazioni sociali Ceer in collaborazione con Fisc, Ucsi, Gater, Acec, GreenAccord e Ordine dei giornalisti Emilia- Romagna, con crediti formativi…
Hanno portato i saluti mons. Tommaso Ghirelli, nuovo vescovo delegato per leComunicazioni sociali Ceer, don Davide Maloberti, delegato regionale Fisc, Matteo Billi, presidente UcsEmilia- Romagna e Antonio Farnè, presidente regionale Odg, che ha affermato: «Oggi si può parlare di periferia anche nel giornalismo, dove il 65% di chi fa questo mestiere non ha un contratto».
Sono poi intervenuti il giornalista Guido Mocellin, saggista, affermando che «l’evoluzione del sistema, a partire dalle res novae continuamente proposte dalla tecnologia, è oggi così rapida da porre continuamente nuove domande di natura etica, che spetta agli operatori riconoscere, identificare e formulare » e Alessandro Rondoni, direttore Ufficio Comunicazioni sociali Ceer, che ha sottolineato: «Viviamo la socialitudine, il tempo in cui si è tutti connessi ai social ma immersi in una nuova solitudine. L’informazione è un bene comune e offre notizie come cibo per la mente. Oggi si dice che la gente ragiona con la pancia, noi allora diciamo che bisogna mangiare con la testa».
È intervenuto pure don Ivan Maffeis, direttore Ufficio nazionale comunicazioni sociali Cei, affermando che «siamo sempre più distratti da cose futili, anche a causa del digitale, col rischio di essere allontanati dagli altri. Abitare la frontiera significa non chiudersi in sé ma accettare il confronto, l’incontro e la fatica di inserirsi nel tessuto vitale del tempo in cui viviamo».
Mons. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna, ha presentato il messaggio del Papa “Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo”.
«Il circolo vizioso della paura e dell’angoscia – ha detto – ha conseguenze gravi perché produce disillusione e fatalismo. Bisogna superare questa tentazione del negativo e comunicare partendo dall’esperienza di vita, dalla speranza e dalla fiducia del Vangelo». Mons. Ernesto Vecchi è stato ringraziato per il lungo servizio nelle Comunicazioni sociali e gli atti del convegno, svoltosi il 10 febbraio, saranno pubblicati da “Il Nuovo Areopago” (ed. La Nuova Agape).

Alessandro Rondoni

Print FriendlyStampa questa pagina o salva un PDF
Did you like this? Share it:
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*