Il Cantico

Il 9 giugno 2017 i rappresentanti delle principali religioni si sono incontrati a Bologna per discutere di cambiamenti climatici, a poche ore dall’inizio del G7Ambiente, e hanno firmato una Carta dei Valori e delle Azioni che l’11 giugno è stata consegnata ai ministri del G7Ambiente, presentata da S.E. Mons. Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna.

img89Come rappresentanti delle più grandi religioni del mondo, condividiamo un impegno sacro per proteggere l’ambiente e una responsabilità morale di chiedere alle nazioni, alle corporazioni e alle comunità di rispondere per come trattano il pianeta. Ci siamo riuniti alla vigilia dell’incontro dei ministri dell’ambiente del 2017, per riaffermare la nostra risoluzione collettiva di proteggere il pianeta e invitare i leader del G7 a concepire azioni audaci e decisive per combattere il cambiamento climatico e promuovere la protezione dell’ambiente…
Il summit del G7 Ambiente di Bologna si svolge in un momento di grande pericolo e grande promessa. Con l’Accordo di Parigi in pericolo, dobbiamo fare tutto il possibile per assicurarne l’efficace attuazione. A causa della scala dei danni già sopportati dal pianeta, siamo l’ultima generazione che può trasformare questa crisi prima che sia troppo tardi. Allo stesso tempo, l’attuazione delle soluzioni di cambiamento climatico crea nuove opportunità per migliorare il benessere umano e promuovere un’economia più giusta.
Il cambiamento climatico e la distruzione ambientale rappresentano una grave minaccia per lo sviluppo globale e la sicurezza umana, poiché la crescente crisi ecologica è inestricabilmente legata ai problemi globali di povertà, migrazione e disordini.
Siamo stati già testimoni di siccità sempre più frequenti e intense, inondazioni e disastri naturali, e dell’aumento dei livelli del mare. Con i più poveri e vulnerabili colpiti più duramente. Il paradigma dominante di sviluppo, che è stato costruito sui combustibili fossili e l’uso insostenibile delle risorse naturali, ha causato e accelerato il riscaldamento globale e l’inquinamento.
Prove scientifiche incontrovertibili ci avvertono che i cambiamenti climatici sono causati dall’uomo e che avranno conseguenze sempre più devastanti se non riduciamo l’aumento delle emissioni globali di gas a effetto serra delle attività umane. Siamo ansiosi di impegnarci in un dialogo costruttivo con coloro che rimangono scettici, inclusi alcuni all’interno delle nostre comunità.
I nostri testi sacri e gli insegnamenti religiosi sono pieni di ingiunzioni per curare e proteggere l’ambiente e garantire che le nostre azioni non danneggino le generazioni future. Come affermano le nostre tradizioni di fede, la Terra non è una merce ma un dono che siamo chiamati a sostenere e salvaguardare per le generazioni future.
Se vogliamo evitare questa crescente crisi ecologica, dobbiamo adottare una conversione, sia personale sia spirituale. Ovunque la politica fallisca, continueremo a cambiare il cuore e le menti per generare la volontà e l’urgenza di agire. Utilizziamo ulteriormente le nostre risorse pastorali, teologiche e spirituali per educare, ispirare e mobilitare un maggiore impegno personale e comunitario per la cura e la protezione del nostro pianeta. Le nostre convinzioni religiose e gli insegnamenti possono anche modellare nuovi modelli di sviluppo sostenibile che siano radicati nella giustizia sociale ed ecologica.
Accogliamo con favore l’Agenda 2030 e l’Accordo sul cambiamento climatico di Parigi come criteri globali per l’azione. I paesi che hanno emesso il maggior numero di anidride carbonica, e quelli con la più grande ricchezza, sono moralmente obbligati ad una maggiore impegno nella protezione dell’ambiente. Di conseguenza, i paesi del G7 hanno una responsabilità storica e un’opportunità per dare l’esempio di trasformazione delle loro economie e aiutare i più deboli e vulnerabili a sopravvivere al cambiamento climatico e al degrado ambientale. In concreto, esiste un’urgente necessità di costruire forme di protezione nelle comunità vulnerabili, per affrontare la perdita e il danno causati dal clima e ridurre drasticamente le emissioni di carbonio, aumentando la finanza climatica, la tecnologia, l’innovazione e la competitività verde.
Noi, leader di fede e organizzazioni basate sulla fede, siamo solidali con le persone e le comunità che in tutto il mondo sono colpite dagli impatti del cambiamento climatico e del degrado ambientale; e che si impegnano a dare maggiore impulso alla consapevolezza e all’azione per promuovere un consumo più sostenibile e stili di vita a protezione del nostro ambiente naturale, sia sulla terraferma che nei mari…
Il mondo non può più permettersi la politica del ritardo. Abbiamo disperatamente bisogno sia di coraggio che di prospettiva che privilegino la sostenibilità a lungo termine.
Come ha annunciato profeticamente il dottor Martin Luther King oltre cinquanta anni fa, “oggi ci troviamo di fronte al fatto che domani è oggi. Ci troviamo di fronte alla feroce urgenza del momento, dell’ora. In questo sconvolgente stato di confusione di vita e di storia, ha valore arrivare troppo tardi. Non è tempo per apatia o compiacenza. È un momento per un’azione vigorosa e positiva”.
Non è troppo tardi per limitare l’aumento delle temperature globali al di sotto di 1,5 / 2C entro la fine del secolo, ma richiederà di realizzare gli investimenti necessari nelle soluzioni climatiche e la volontà politica dimettere in atto politiche di trasformazione quali l’eliminazione delle sovvenzioni sui combustibili fossili, il prezzo del carbonio, il sostegno all’agricoltura favorevole al clima e l’uso del suolo, e la costruzione di città e comunità più resistenti ed efficienti. Con le drastiche diminuzioni del costo delle energie rinnovabili a causa dell’innovazione, la costruzione di un’economia sostenibile rappresenta sia il percorso morale che quello economico economicamente avanzato…
Speriamo che questa Carta porti a un maggiore dialogo e ad azioni che possano rafforzare un crescente movimento inter-religioso per combattere il cambiamento climatico e proteggere il pianeta.
Vigileremo, lavoreremo e ci faremo promotori per assicurare che grandi progressi siano compiuti tra oggi e quando il G7 si riunirà in Canada nel 2018. Ora è il momento di convertire il mondo ad un’economia a basso tenore di carbonio, resiliente e sostenibile.

Dal Tavolo del dialogo di Bologna

Print FriendlyStampa questa pagina o salva un PDF
Did you like this? Share it:
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*