Il Cantico

clip_image002Il francescano p. Vincenzo Cherubino Bigi cercò sempre di indagare in profondità quell’enorme riserva di potenzialità che è l’essere umano, discernendo quanto può aiutare a comprendere meglio se stessi.
Grazie al suo insegnamento, chi, come me, ha avuto il dono di essere suo discepolo, non può non sentire l’urgenza di attingere al prezioso patrimonio culturale del passato, in costante apertura verso le dimensioni di un futuro nuovo, ancora da realizzare.
Da lui abbiamo imparato a seguire itinerari di ricerca e di approfondimento, di riflessione e di cura del corpo e dello spirito dell’uomo, affinché interiormente rinnovati alla luce di Cristo, uomo-Dio, diventiamo “sua immagine secondo il corpo e sua similitudine, secondo lo spirito”, come indicato da S. Francesco nella V Ammonizione.
Nei numerosi anni in cui fu assistente del Terz’Ordine francescano e Preside dello Studio teologico francescano di Bologna, p. Bigi tracciò vie che questo libro, accogliendo la sua eredità, vuole ripercorrere (almeno in parte) per dare fiducia e speranza all’uomo d’oggi, bisognoso più che mai di essere liberato dal pessimismo, dalla rassegnazione e dall’indifferenza in cui egli si trova avviluppato e da cui sembra far fatica a districarsi nella complessità del mondo in cui è chiamato a vivere.
In questi colloqui in cui, sotto forma di intervista, vengono ripresi i discorsi di p. Bigi sulle problematiche universali dell’uomo, emerge l’attitudine a dialogare con l’uomo d’oggi che si trova solo e in balia di una vita vissuta senza senso.
Tale attitudine è propria della filosofia francescana che è la filosofia dell’insufficienza e della povertà dell’uomo, a cui solo Cristo povero, uomo perfetto e vero Dio, può dare senso e significato, aprendo le porte a un nuovo umanesimo che trovi negli Scritti di S. Francesco, riecheggianti il Vangelo, il suo fondamento.
P. Bigi, dunque, è il portavoce di una sapienza francescana (dal latino “sàpere” = “assaporare”) che non disdegna di ricuperare il pensiero nel suo evolversi dall’antichità fino ai nostri giorni, accentuando la connessione esistente tra “sapere” e “vantaggio per l’uomo”.
Questa connessione è molto importante, poiché oggi le scienze con le loro tecnologie raffinatissime, possono anche essere contro l’uomo. Basti pensare alla costruzione di tanti strumenti di morte che non sono affatto a vantaggio dell’uomo.
Quindi, nonostante il grande progresso delle scienze, anzi proprio in ragione di questo, la domanda sul senso della scienza per la vita dell’uomo, mantiene tutta la sua forza.
La parola “scienza” (come la parola “scure”) deriva dal latino “scire” che significa “spezzare”, “tagliare”, senza la dimensione affettiva e partecipativa.
Invece i dialoghi con P. Bigi sono finalizzati alla ricerca di un conoscere affettuoso che non si riduca alla scienza, ma si muova in due direzioni connesse profondamente tra di loro: chi sono io? che cosa so io?
Queste riflessioni ci indicano la via da seguire per compiere un cammino di sapienza cristiana e, per questo, così profondamente umana, che è un cammino di santità e di salvezza per tutti gli uomini e le donne che sono alla ricerca di approfondire il senso della propria vita.

A cura di Lucia Baldo

Cantico giugno 2015 onlineIl nuovo interessante libro a cura di Lucia Baldo, uscito in febbraio in formato E-book, ora esce in cartaceo sempre nelle Edizioni Società Cooperativa Sociale Frate Jacopa.
Ne presenta qui il contenuto – proposto nella modalità di dialoghi con il francescano p. Vincenzo Cherubino Bigi – la curatrice dell’opera con le parole del Prologo.
Per richiedere il libro (
Edizione a stampa ISBN 9788894104707 € 10,00 – Edizione E-book ISBN 9788890765698 € 6,00) rivolgersi a www.coopfratejacopa.it o www.fratejacopa.net.

Print FriendlyStampa questa pagina o salva un PDF
Did you like this? Share it:
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*