Il Cantico

La Festa di S. Francesco, preceduta dal Triduo in suo onore, inizia il 3 ottobre con la celebrazione del suo “Transito”.

La sua morte fu chiamata “transito” perché in pochi fu evidente come in lui, più che il cessare della vita terrena, il passaggio alla vera vita. Sul letto di morte S. Francesco disse ai suoi fratelli “Io ho fatto la mia parte, la vostra ve la insegni Cristo” (FF 1239). E’ un monito per tutti noi a cui ritornare per accogliere e mettere a frutto la sua preziosa eredità.

“San Francesco, con la sua radicalità evangelica e nella sua autenticità umana, con la sua simpatia e cortesia fraterna, fu generatore e ispiratore di umanità… Fu uomo di ascolto, sempre attento alla voce di Dio e degli altri; fu uomo di accoglienza verso tutti e ancor più verso i più poveri e bisognosi; fu uomo di impegno nel suo ambiente, dilaniato dalle violenze e dall’esclusione delle persone… La sua forza attraente e suggestiva si manifesta nella capacità di tradurre la Parola del Signore in termini non solo teologici, ma anche umani e sociali,  vivendo il Vangelo simultaneamente in tutte le sue relazioni: verso Dio, verso gli uomini e verso gli esseri della Creazione… Celebrare la festa di san Francesco significa per noi non solo cantare le sue lodi, ma anche lasciarci coinvolgere dagli appelli del Vangelo e del nostro mondo d’oggi, rinnovando la nostra vocazione francescana”.

A tutti l’augurio di buona festa, invocando, per l’intercessione del Santo Patrono d’Italia, ogni benedizione di pace per il mondo intero!

Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale
Frate Jacopa

IL TRANSITO DI S. FRANCESCO

img16

Pochi giorni prima di morire, [Francesco] chiese che fosse avvertita a Roma donna Jacopa, perché se voleva vedere colui che già aveva tanto amato come esule in terra e che ora era prossimo al ritorno verso la patria, si affrettasse a venire. Si scrive una lettera, si cerca un messo molto veloce e trovatolo si dispose al viaggio. All’improvviso si udì alla porta un calpestio di cavalli, uno strepito di soldati e il rumore di una comitiva. Il Santo disse: “Benedetto Dio che ha condotto a noi donna Jacopa, fratello nostro! Aprite le porte esclama, e fatela entrare”…
Francesco disteso sulla terra, dopo aver deposto la veste di sacco, sollevò la faccia al cielo, secondo la sua abitudine, totalmente intento a quella gloria celeste, mentre con la mano sinistra copriva la ferita del fianco destro, che non si vedesse. E disse ai frati: “Io ho fatto la mia parte; la vostra Cristo ve la insegni”.
Mentre tutti i frati stavano intorno a lui, stese sopra di loro le mani, intrecciando le braccia in forma di croce e benedisse tutti i frati, presenti e assenti, nella potenza e nel nome del Crocifisso. Inoltre aggiunse ancora: “State saldi, o figli tutti, nel timore del Signore e perseverate sempre in esso”.
Quando, infine, si furono compiuti in lui tutti i misteri, quell’anima santissima, sciolta dal corpo, fu sommersa nell’abisso della chiarità divina e l’uomo beato s’addormentò nel Signore.
(FF 860. 1239. 1241. 1243)


Print FriendlyStampa questa pagina o salva un PDF
Did you like this? Share it:
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*