Il Cantico

Saluto di Alessandro Rondoni

img74 (2)

Ho il piacere di portare il saluto dell’Ucsi (Unione Cattolica Stampa Italiana) Emilia-Romagna, del suo presidente regionale, Matteo Billi, e come direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali Ceer.
È opportuno mettere subito in campo un tema politico per i giornalisti: la libertà di informazione in Italia e il taglio dei fondi all’editoria, oggi di strettissima attualità, che mette a rischio il pluralismo. Se vogliamo, quindi, unire i cattolici, se desideriamo ritrovarci insieme, allora incontriamoci anche su queste emergenze, sui bisogni, sulle necessità del nostro tempo. I princìpi li abbiamo, e ringraziamo Mons. Mario Toso che con il suo libro Cattolici e politica ci ricorda anche come applicarli.
Ora, quindi, andiamo a cercare i modi nuovi, adeguati ai tempi di oggi, per viverli e condividerli. Sono cresciuto nella “bottega” redazionale di Cseo (Centro Studi Europa Orientale) a Forlì dove si traducevano i testi clandestini del Samizdat che giungevano in Occidente dall’Europa dell’Est in un’epoca in cui i muri erano ancora ben alti. Si studiavano, infatti, i testi di Havel, Tischner, Wojtyla, Solidarnosc che arrivavano dalla ex Cecoslovacchia, dalla Polonia, dall’Est Europa, da quelle terre dove vi era l’ansia della libertà. La rabbia e la protesta sono state incarnate da un elettricista, Walesa, che ha preso sul serio il problema del lavoro, specialmente dei giovani, degli operai dei cantieri di Danzica e delle generazioni future.
Oggi dobbiamo fare altrettanto: non dobbiamo lasciare spazio agli urlatori di piazza, dobbiamo essere noi, e lo dico anche da giornalista, a interpretare i disagi e i bisogni della gente. Questo è il compito anche della politica che, per quanto possibile – lo ha detto nel suo saluto pure l’assessore del Comune di Bologna – deve tentare di rispondere ai bisogni dei cittadini.
Altro tema è quello della formazione, e siamo qui a ribadirlo proprio all’Istituto Veritatis Splendor. Quanto bisogno abbiamo di formazione, anche giornalistica e politica! Negli anni scorsi ho fatto tre campagne elettorali e sono stato cinque anni in Consiglio Comunale. In merito al mio impegno istituzionale ripetevo sempre che si trattava di un servizio. «Faccio volontariato a Forlì, alla mia città», dicevo. Certo, avrei potuto dedicarmi agli anziani, ai minori, ai disabili, tutto molto importante. L’ho fatto passando ore e ore in Consiglio Comunale, per la democrazia e per rappresentare i bisogni dei miei concittadini.
Anche questa è una forma di carità, una dimensione del volontariato! Mettiamocelo bene in testa: la carità ha persino questa faccia pubblica. Servono cattolici impegnati in politica, non per sbandierare qualcosa di parte, di fazioso, ma per salvare la stessa democrazia in Italia. Oggi è necessario questo e, quindi, il nostro impegno ha uno scopo alto. Papa Francesco ce lo ha ricordato l’1 ottobre 2017 a Cesena dove, parlando del senso della politica e del bene comune da una piazza guarda caso chiamata “Piazza del Popolo”, ha esortato a ripartire proprio da lì, dal crocicchio, in mezzo alla gente, dalla piazza. E questo oggi è un modo, uno stile, un metodo “rivoluzionario”.
Non si riparte, quindi, dai partiti – perché si fa fatica a trovarne uno credibile, e può dispiacere –ma si ricomincia “dal basso”. Dobbiamo arrivare ad un nuovo metodo di presenza perché i partiti sono profondamente in crisi, anche per l’annosa questione del finanziamento pubblico che è stato madre di tante sciagure… Nella Costituzione italiana, pertanto, dobbiamo indicare, in modo esplicito, che cosa sono i partiti, come si fanno, come si governano e come si accede alle candidature. È perciò necessario superare un deficit costituzionale e avere il coraggio di affermarlo chiaramente se si vuole evitare il “padrepadrone” o il “partitone” o non so che altro, magari di occulto dietro ai computer, che bloccano l’accessibilità, il ricambio e la libera scelta di candidarsi.
Sono temi concreti per rimetterci insieme a ragionare e, come ci chiede il prof. Stefano Zamagni, è molto importante oggi fare sforzi nella direzione di un nuovo welfare generativo, sennò non ce la facciamo a reggere. Il sistema del welfare tradizionale è in crisi, l’assistenzialismo in Italia blocca tutto, questo anche al di là delle buone intenzioni. Il compito della politica, quindi, è arrivare a nuove soluzioni. In conclusione, ricordo che nei prossimi mesi vi saranno delle importanti elezioni che sollecitano il bisogno di unirsi in un impegno comune: le Amministrative, che pongono al centro i bisogni delle proprie città, e le Europee, che sono di più ampio respiro perché ci fanno andare oltre i confini e oltre i muri per costruire la “casa comune” di cui abbiamo bisogno e proprio per questo sono molto importanti.
Mons. Toso lancia il cuore oltre l’ostacolo e nel suo libro scrive una frase che sintetizza l’ora che stiamo attraversando: «Urge un popolo convintamente europeo». “Urge”: è un’urgenza, quindi è una priorità. “Un popolo”: ci vuole non una singola persona, non un singolo protagonista della politica, un grande parlamentare, un leader assoluto, ma un popolo. Occorre quindi un popolo e su questo abbiamo tanto da offrire. “Convintamente”: non dobbiamo solo lamentarci, ma andare a vedere e a riconoscere le ragioni di questa Europa.
La vogliamo cambiare, ma la cambiamo costruendola! “Europeo”: l’Europa è la nostra casa comune, lì vi sono anche le nostre radici. Noi qui ora siamo Europa. E da giornalisti siamo chiamati anche a fare comunità, come ci chiede il Papa nel suo messaggio di quest’anno per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. Grazie, buon lavoro.

Alessandro Rondoni
Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali Ceer

Print FriendlyStampa questa pagina o salva un PDF
Did you like this? Share it:
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*